A Villa Carlotta Eventi è BEER FEST! Il prossimo 23 febbraio darà l’occasione di conoscere un interessante birrificio siciliano. Si tratta di “Chinaschi” di Trapani, giovane realtà guidata da Francesco Puma con la collaborazione dell’enologo Vincenzo Leone, il cui segno distintivo è quello straordinario legame che lega tutte le sue birre al territorio siciliano. E come suggerisce il nome (Chinaschi vuol dire letteralmente “col naso”) ne sentiremo di profumi: quelli del grano, degli agrumi, del pane che ci rimandano alla nostra terra.

“La nostra nasce come azienda agricola tramandata da generazioni – afferma Francesco Puma-. Si tratta dell'unica azienda agricola trapanese dedita alla produzione di birra, nella quale vengono impiegate materie prime d'eccezione come i grani autoctoni siciliani, agrumi e vini prodotti da vitigni di Grillo, Zibibbo e Catarratto. Tutte le birre sono strettamente legate al territorio per profumi e sapori. Sono prodotte con metodo artigianale e quindi non sono filtrate, non sono pastorizzate e sono rifermentate in bottiglia. Il processo produttivo è seguito meticolosamente da un enologo (non tutti i birrifici possono vantarsi della consulenza professionale di un enologo). Inoltre - continua il titolare di Chinaschi - con la birra allo Zibibbo abbiamo preso il premio Golosario di Massobrio al Vinitaly 2018. Abbiamo fatto delle sperimentazioni con i grani duri siciliani in collaborazione con il Consorzio G.P. Ballatore utilizzando il Russello, il Niuru, il Perciasacchi, il Tumminia, con ottimi risultati”.

Durante la serata vi saranno quattro birre in degustazione in abbinamento alle preparazioni gourmet dello chef stellato Claudio Ruta. “La visione della birra negli ultimi anni è cambiata parecchio. In precedenza si bevevano birre industriali soltanto d'estate a temperature glaciali, oppure per accompagnare una pizza. Adesso si può tranquillamente sostituire un buon vino con una birra artigianale, e accostarla persino al pesce, al sushi ecc. e devo dire che – conclude Francesco Puma - mediamente la qualità della birra italiana è davvero alta, e ce lo riconoscono in tutto il mondo. Per me è un piacere immenso poter accostare alle pietanze dello chef Ruta le mie birre e mi auguro che possano deliziare tutti gli intervenuti”.

Ecco il menu della serata.

Birra American Pale Ale “Chinaschi” 5.5 % vol

Carbonnade di pancetta di manzo con American Pale Ale

Insalatina di fave "Cottoia" alla vecchia maniera...olio, aceto e pepe nero.

BEER FEST, le birre Chinaschi protagoniste a Villa Carlotta Eventi | Colours of Sicily

Birra Blanche “Chinaschi” 5.0 % vol

Nel “Cuoppo”..bocconcini di Pollo Croccanti con pastella di birra alle erbe e panelle.

Perle di riso fredde con caprese di tuma e pesto di basilico.

 

Birra Dark Weiss “Chinaschi” 5.0 % vol

Mafaldine con salsiccia artigianale con ragusano e pomodoro secco.

Cuccia al ragù vegetariano e robiola stagionata a latte caprino crudo.

Pane “Cunzatu” olive, mozzarella, tonno

Birra Italian Grape Ale con vino Zibibbo “Chinaschi” 7.0 % vol

Spalla di maialino alle spezie con bocconcino di pane.

Insalatina mediterranea di ortaggi.

 

Dessert

Mastuf (cous-cous alla vaniglia con croccante di mandorle e cioccolato di Modica)

 

Info e prenotazioni 0932.252070
(costo a persona € 30,00)

SHARE
Previous articleAll’ombra dei mandorli in fiore
Next article“Il Cooking Show che fa beneficenza”
Originaria di Vittoria così come il suo vino preferito, il nobile Cerasuolo di Vittoria Docg. Dopo la maturità classica, la Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari con una tesi sperimentale sulla ricotta iblea (il formaggio è la sua seconda passione, dopo il vino!). Collabora con diversi giornali on line e non di enogastronomia. Gentile, chiacchierona, ma anche amichevole, è da molti definita un “vulcano”. Ama stare fra la gente soprattutto con coloro i quali condivide le sue stesse passioni: l’amore per la sua terra e le cose buone da mangiare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.