Mai salire e scendere per le scalinate di una città è stato più piacevole. È in arrivo a Ragusa la quarta edizione di “Scale del Gusto", dal 12 al 14 ottobre. Passeggiare lungo l’interminabile scalinata che collega la parte superiore della città con quella antica di Ragusa Ibla si tramuterà in un'indimenticabile esperienza all'insegna dei sapori. Si potranno ammirare i monumenti barocchi, soffermarsi a guardare alcuni spettacoli, partecipare a cene in terrazza con chef famosi.

Scale del gusto | Colours of Sicily

Saranno presenti gli chef dell’Associazione Cuochi Iblei coordinati da Franco e Gianni Digrandi, mentre gli chef Marco Failla, Lorenzo Ruta, Peppe Causarano e Antonio Colombo prima di cimentarsi ai fornelli saranno protagonisti di talk sull'enogastronomia locale.

Ad aprire il ciclo dei “Talk & Food” sarà lo chef stellato Claudio Ruta nella prima giornata della manifestazione. Oltre alle fantastiche note di gusto del cibo locale ci sarà tantissimo spazio anche per le eccellenze vinicole del territorio. Le tre giornate saranno caratterizzate dalla zona Wine Party organizzata all'interno di Palazzo Cosentini in collaborazione con la Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria.

Ci saranno anche dei tour guidati con una traduzione dedicata per non udenti attraverso gli operatori dell’Ente Nazionale Sordomuti.

Scale del gusto | Colours of Sicily

Ad animare, infine, l’evento saranno centinaia di studenti provenienti da ben 19 Istituti Alberghieri di varie parti d’Italia i quali parteciperanno al 1° concorso nazionale “Le tipicità enogastronomiche italiane per le Scale del Gusto”. Utilizzando le eccellenze delle varie aziende espositrici, i ragazzi prepareranno dei piatti che successivamente verranno valutati da una giuria per decretare il vincitore.

Scale del Gusto” è un’iniziativa a cura dell’associazione di promozione turistica Sud Tourism.

Info su www.scaledelgusto.it

SHARE
Previous articleIl cibo incontra la cultura
Next articleUn suino nero nella terra dei miti
Originaria di Vittoria così come il suo vino preferito, il nobile Cerasuolo di Vittoria Docg. Dopo la maturità classica, la Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari con una tesi sperimentale sulla ricotta iblea (il formaggio è la sua seconda passione, dopo il vino!). Collabora con diversi giornali on line e non di enogastronomia. Gentile, chiacchierona, ma anche amichevole, è da molti definita un “vulcano”. Ama stare fra la gente soprattutto con coloro i quali condivide le sue stesse passioni: l’amore per la sua terra e le cose buone da mangiare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.