Giocano a mascherarsi in perfetta armonia rendendo complice chi li gusta. Frappato e Nero d’Avola, i vitigni che hanno reso celebre l’unica DOCG siciliana, nel Cerasuolo di Vittoria Maskarìa di Terre di Giurfo regalano il volto ammaliante di un angolo di Sicilia, quello che in C.da Giurfo, al confine con la provincia di Catania, ospita la cantina di Achille Alessi.

Siamo intorno ai 350 metri s.l.m.. Passeggiando tra i vigneti si può godere di un paesaggio suggestivo: si scorgono alcune cittadine, come quella di Licodia Eubea o Chiaramonte Gulfi, mentre il vento sa essere un buon amico, allontanando i pensieri della vita quotidiana, e allo stesso tempo sa dare un aiuto a chi lavora qui la vigna, in biologico.

Achille Alessi

60 % Nero d’Avola e 40 % Frappato, nel Cerasuolo di Vittoria DOCG di Terre di Giurfo la prevalenza del Nero d’Avola sa farsi sentire, soprattutto al sorso. Degustiamo il Maskarìa 2015. Dal colore rosso rubino intenso, al naso regala netti sentori di amarena e di spezie, in particolare di noce moscata. Al palato spicca il tannino fine del Nero d’Avola. Un rosso dal buon corpo con una evidente nota di calore ed una leggera vena di acidità. Un Cerasuolo che ha la sua identità, resa più semplice e immediata, nonostante l’età, dalla scelta del solo acciaio nella produzione.

Condividi su:

Related Posts

Show Comments Close Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *