Come usare in cucina la Vastedda del Belìce

0
18
Come usare in cucina la Vastedda del Belìce | Colours of Sicily

Chicche di patate mantecate con fonduta di Vastedda del Belice e vongole veraci. In abbinamento il vino “di Sicilia…Sole e Terra” bianco DOC Sicilia di cantina HORUS

Una semplice e sicilianissima ricetta proposta dalla cucina di Casa & Putia di Messina dove la dolcezza delle patate incontra la bontà di uno dei formaggi storici siciliani, ossia la Vastedda del Belìce DOP, per arricchirsi del tocco salino delle vongole. Impossibile non abbinare uno dei vini che abbiamo avuto modo di conoscere nel corso di diverse degustazioni. Si tratta del bianco “di Sicilia…Sole e Terra” DOC Sicilia di Cantina HORUS. E’ un vino fresco, con note floreali e sentori di frutta esotica, capace di raccontare l’anima più intima dell’Isola in questo riuscito blend tra Grillo ed Insolia.

Ecco la ricetta suddivisa in quattro semplici step

1) Le Chicche di patate

800 g patate rosa
250 g di farina 0 (o farina di riso per celiaci)
sale q.b.

Per preparare le chicche di patate cominciate lessando queste ultime. In una pentola capiente sistemate le patate e coprite con abbondante acqua fredda. Dal momento in cui l’acqua sarà a bollore costante, cuocetele per circa 30-40 minuti, a seconda della loro grandezza. Una volta pronta, eliminate la buccia dalle patate ancora calde e subito dopo schiacciatele su una spianatoia con l’aiuto di uno schiacciapatate. Aggiungete la farina e il sale ed impastate con le mani per ottenere un composto morbido ma compatto.

Prelevate una porzione di impasto per volta e stendetela con la punta delle dita per formare dei filoncini dello spessore di 2 cm. Tagliate i filoncini a tocchetti e passate ogni pezzetto di impasto sui rebbi di una forchetta, premendo leggermente con il pollice.

2) Il sautè di vongole

500 g di vongole veraci

1 bicchiere di vino bianco

Olio extravergine di oliva minuta

prezzemolo q.b.

Per prima cosa fate spurgare i molluschi mettendoli in acqua e coprendoli per evitare che schizzino fuori dalla ciotola in cui sono immersi. Successivamente mettete le vongole in un padellino insieme all’olio per farle aprire e sfumatele col vino bianco. A fine cottura aggiungete il prezzemolo tritato e spegnete. Scolatele filtrando direttamente il fondo di cottura attraverso un colino a maglie molto fitte e rimmergetele nel liquido di cottura ben filtrato.

3) La fonduta di Vastedda del Belice

200 ml crema di latte (può essere sostituita dalla panna da montare)
200 g Vastedda del Belice DOP
sale q.b.

Ponete la Vastedda resa a scaglie in una casseruola ed aggiungetevi la crema di latte, dopodiché fate cuocere il tutto a fuoco moderato. Appena il composto sarà tiepido e la Vastedda si sarà amalgamata alla crema di latte, la nostra fonduta è pronta.

foto Giovanni Federico

4) …ultimi passaggi

Cuocete le chicche in abbondante acqua bollente salata e scolatele non appena verranno a galla. Ponetele nella padella in cui avete messo precedentemente la fonduta e mantecate il tutto. Mettete in una fondina le chicche mantecate con la fonduta e aggiungete il sautè di vongole con il loro liquido di cottura. Servite ben calde.

di Sicilia…Sole e Terra – DOC Sicilia 2018
Previous articleTurismo lento, viaggiare slow in Sicilia
Native of Vittoria, as her favourite wine, the noble DOCG Cerasuolo. Following her classical high school diploma, she received a bachelor's degree with honours in Food Science and Technology with a thesis on Hyblean ricotta cheese (cheese is her second passion, after wine!). She collaborates with several online newspapers and food&wine magazines. Cheerful and friendly, considered by many as "volcanic", she likes to get out among the people, especially those who share her same passions: the love for the land and the good things.

Rispondi