Si chiama Prefillossera la nuova etichetta di Palmento Costanzo, rinomata azienda vitivinicola sita in c.da Santo Spirito, sull’Etna. Questo Nerello Mascalese in purezza è il racconto del vulcano nella sua complessità culturale che prende spunto dalla presenza nei vigneti di numerose viti prefillossera. “Si tratta di piante che oltrepassano il secolo d’età, franche di piede, che sono state capaci di resistere alla terribile invasione della fillossera che distrusse gran parte del patrimonio vitivinicolo siciliano tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento – spiega la produttrice, Valeria Agosta-.” Ambasciatrici della tradizione culturale enologica dell’Etna, queste viti sono le guardiane monumentali del vigneto: con i loro tronchi nodosi, sono capaci con la loro memoria di raccontare la versione del vulcano più profonda.

La degustazione

Al naso è profondo e ricco, con note di frutta rossa, sfumature di grafite e di polvere vulcanica, dal carattere balsamico. Al palato i suoi tannini sono vellutati, il sapore è lungo e intenso, il finale delicato, con una nota piacevolmente sapida. Alla raccolta di metà ottobre segue la vinificazione con macerazione prolungata in botti rotative e legni grandi; infine la maturazione in legno per 24 mesi. Una lunga attesa ricca di cura in ogni dettaglio, che dona grande profondità ed eleganza ad un vino capace di raccontare la tenacia dell’agricoltura eroica che da sempre caratterizza l’Etna.

Palmento Costanzo
C.da Santo Spirito, 95012 Passopisciaro CT 
Tel. 0942 983239

Prefillossera, le radici dell'Etna nel nuovo vino di Palmento Costanzo | Colours of Sicily

Rispondi