Resistenza epicurea

0
9
Resistenza epicurea | Colours of Sicily

Tre vini per tre esperienze creativo-culturali gratuite e accessibili dal sofà di casa.

Chiusi in casa ma aperti alla bellezza, all’arte, al piacere per tenere acceso il buonumore e spostare il focus dal senso di privazione a quello della possibilità. L’invito che propongo è quello di una “resistenza epicurea” per concedersi l’evasione da un clima cupo e non rinunciare a un pizzico di allegria grazie al potere del vino e a quello dell’arte, rimedi che da sempre curano l’animo umano. In questi giorni in cui facciamo i conti con quello che ci manca, abbiamo anche l’occasione di approfittare d’inedite opportunità.

Avete mai pensato di fare un salto al Louvre di Parigi saltando la fila all’ingresso? Di ascoltare un romanzo senza sfogliare una pagina cullati dalla voce di qualcuno? Di accedere a una prestigiosa Università applicandovi in un corso sulla felicità? Oggi tutto questo non solo è possibile ma è persino gratuito e a disposizione di tutti. Si tratta di esperienze virtuali accessibili dal sofà di casa vostra magari con un bicchiere di vino in mano opportunamente suggerito in abbinamento.

Prima idea di resistenza epicurea

Se finalmente avete il tempo per leggere ma vi manca la concentrazione o il libro affidatevi a un audio- libro. Il sito di Radio Rai Tre offre la possibilità di accedere a un archivio digitale di tutto rispetto con centinaia di romanzi in formato podcast. Eccovi il link: raiplayradio.it

Vi propongo l’ascolto di un racconto umoristico di Gogol: “Il Naso”, la cui lettura è affidata all’esuberante voce di Massimo Popolizio che interpreta in maniera esilarante i personaggi di questo testo dall’impianto divertente quanto assurdo.
La trama segue le incredibili vicende di un naso scivolato via dalla faccia del legittimo proprietario e del suo vagare in alta uniforme per le strade di San Pietroburgo.

Per rendere sublime l’esperienza, abbinate l’ascolto a un grande vino dalla complessità aromatica ai limiti del verosimile: Zibibbo Heritage Serragghia 2016 di Giotto Bini.
Un bianco secco ricavato da viti che vantano più di 120 anni d’età coltivate sui suoli vulcanici della selvaggia isola di Pantelleria seguendo l’ancestrale e preziosa tecnica di coltivazione ad alberello pantesco. L’affinamento in anfora restituisce ad ogni sorso una festa inebriante di profumo che vi renderà felici di avere ancora un naso incollato alla faccia a differenza del protagonista del racconto di Gogol.

Resistenza epicurea | Colours of Sicily

Seconda idea di resistenza epicurea

Nostalgia di viaggiare? Gli amanti dell’arte possono riempire gli occhi di bellezza girovagando dal British Museum di Londra all’Hermitage di San Pietroburgo, passando per il Louvre di Parigi senza dimenticare naturalmente alcuni tra i più importanti musei italiani che aprono le porte ai visitatori per accedere virtualmente alle sale espositive più importanti del mondo.

La mia proposta è scoprire l’affascinante e pioneristico museo Thyssen-Bornemisza di Madrid che ha invitato 25 chef spagnoli a portare in tavola creazioni culinarie ispirate alle opere d’arte della propria collezione (migliaia di capolavori dal rinascimento alla pop art).

“Dal quadro al piatto!”: gli chef coinvolti si sono lasciati ispirare curiosando tra le sale componendo un ricettario d’arte. Lasciatevi ispirare anche voi con un tour virtuale del museo in attesa di visitarlo dal vivo. Questo il link: museothyssen.org.

Il vino che suggerisco di abbinare a questa esperienza è il Temprano Dos Tierras Terre siciliane IGP 2018, di Badalucco. Mentre gustate con gli occhi le opere del museo madrileno lasciate stupire le papille da un vino che unisce l’anima di due terre: sicula e spagnola. Il Dos Tierras nasce dall’assemblaggio delle due varietà più rappresentative dei due territori: Nero d’Avola e Tempranillo.
Vino solare, godurioso e possente che tuttavia si lascia sorseggiare con serenità grazie a un indice basso di solforosa e a una filosofia produttiva che esclude l’invadenza di rimedi chimici in vigna. Affina 18 mesi in legno di rovere per regalare sorsi balsamici profondi e lunghi.

Resistenza epicurea | Colours of Sicily

Terza idea di resistenza epicurea

La salute psichica è importante quanto quella fisica e in tempi simili è il caso di correre sui libri per studiare la “felicità”. In milioni hanno fatto questa scelta seguendo le video lezioni di un prestigioso ateneo statunitense che ha registrato un boom d’iscrizioni.
Si tratta dell’Università di Yale che ha messo a disposizione un corso sulla “Scienza dello stare bene”. Si svolge interamente online e tutti possono accedere senza tasse da capogiro o test d’ammissione. L’obiettivo è migliorare la percezione della propria felicità e di sviluppare un’attitudine che favorisca il benessere.
Ecco il link: coursera.org

Non è possibile studiare la felicità senza il giusto bicchiere di vino in mano! Concedetevi allora un distillato di felicità ossia il Nataly Primitivo IGP Salento 2018 di Natalino Del Prete.
Caparbietà, autenticità, profondità e purezza: parole che possono sintetizzare l’animo di un sognatore che così bene si riflette nel vino che produce. Natalino Del Prete è un uomo che ha il garbo d’altri tempi ma l’intuito visionario di chi guarda al futuro con scelte coraggiose e controcorrente: già nel lontano 1994 è diventato precursore di una filosofia produttiva biologica in Puglia. L’energia del Salento si esprime con la sua forza vellutata, solare e calorosa ad ogni sorso di questo Primitivo vinificato in acciaio senza chiarificazioni, filtrazioni e solfiti aggiunti. La felicità è servita.

Resistenza epicurea | Colours of Sicily
Previous articleIl prosciutto di pecora di Gianni Giardina
DNA irrimediabilmente creativo, sommelier e divulgatrice enogastronomica, ama esplorare il legame tra il vino e le altre forme d’arte. Laureata in Lettere scrive di enogastronomia presso riviste di settore e collabora con tour operator di vacanze di lusso. È autrice di “Vincanto suggestioni sensoriali di degustazione”. Come sommelier si è formata presso l’Alma Wine Academy, la rigorosa scuola internazionale di Gualtiero Marchesi con sede a Parma.

Rispondi