Pensando al Natale, le prime immagini che affiorano nella nostra mente sono i regali sotto l’albero decorato, le mille luci per strada e naturalmente i profumi dei dolci. Immancabili i panettoni! Ecco qualche consiglio su cosa condividere di buono a tavola, con amici e parenti.

Pervaso, il panettone cotto nel forno a legna

Prendendo spunto da un’antica tecnica di cottura dei panettoni, Pervaso propone per le feste natalizie il panettone cotto nel forno a legna. La materia prima è sempre quella che contraddistingue i propri panettoni: un’attenta selezione dei migliori ingredienti, l’uso esclusivo di lievito madre, burro di latteria con massa grassa all’80% e tuorlo d’uovo biologico. La differenza proviene dalla cottura, resa possibile grazie alla collaborazione con Gianluca Candela, specialista di Montelepre che mette al servizio del brand la gestione della cottura.

I panettoni vengono cotti in un forno refrattario che viene portato alla temperatura di 160 °C circa e così mantenuta per consentire una cottura lenta che permette al panettone di preservare la propria umidità interna donando all’impasto una maggiore morbidezza, oltre ad un aroma unico ed inimitabile donato dalla legna di ulivo e di agrumi utilizzata per scaldare il forno.

Di Stefano, il panettone al Mandarino di Ciaculli

Il Natale 2021 della Di Stefano è un tripudio di sicilianità. Il nuovo panettone al gusto Mandarino Tardivo di Ciaculli & Fondente nonché le due Capsule Collection Limited Edition (la latta d’artista “Stupor Mundi” firmata da Domenico Pellegrino e il piatto ispirato alle veline protettive degli agrumi siciliani esportati all’estero disegnato da Sdrina) raccontano una Sicilia contemporanea, barocca e nobiliare attraverso colori e forme pop che rendono tutta l’energia e la vitalità di questa Isola.

Assaporando l’ultimo arrivato in casa Di Stefano si ha la sensazione di passeggiare tra gli agrumeti della Conca d’Oro del Parco Agricolo di Palermo dove questo presidio Slow Food, è coltivato e tutelato seguendo le regole del Disciplinare di produzione. Le scorzette candite di Mandarino Tardivo di Ciaculli, insieme alle pepite di cioccolato fondente purissimo caricano di un sapore squisitamente siciliano il soffice impasto del panettone, creando un equilibrio fra le fragranze degli agrumi e la rotondità della fava di cacao.

Stellato, il panettone di Sultano e Amara

Si chiama invece ‘Stellato’ il dolce di Natale pensato da Amaro Amara in collaborazione con lo chef stellato Ciccio Sultano, anima e mente creativa del Duomo di Ragusa Ibla.  L’iconico amaro artigianale siciliano di Arance Rosse di Sicilia IGP incontra la maestria dello chef Ciccio Sultano che ha realizzato un panettone artigianale con fragranze, sapori e profumi che esprimono a pieno la territorialità siciliana.

Stellato nasce da una collaborazione pensata per esaltare ingredienti e materie prime d’eccellenza come le arance rosse candite le mandorle e la tradizionale ricetta viene reinterpretata dall’aggiunta di Amara nell’impasto. Un ingrediente prezioso che in cottura aromatizza e custodisce i sentori agrumati e al taglio rivela intensi profumi di macchia mediterranea, sprigionando un ventaglio di fragranze spiccatamente siciliane che rimandano immediatamente ai paesaggi olfattivi dell’Etna.

PA’ncucciato, il panettone al cous cous

Da una ricetta di Filippo La Mantia che mette insieme le tecniche di lavorazione del re dei lievitati con quelle di incocciatura della semola nasce il PA‘ncucciato. Unico nella sua concezione, è la dolce unione delle tecniche tradizionali di preparazione del panettone con quelle antiche locali di incocciatura del cous cous, che diventa dolce grazie ad un procedimento ideato dallo chef La Mantia. Il risultato è un prodotto che è a tutti gli effetti un panettone, all’interno del quale è stato inserito il cous cous, lavorato in modo da dare consistenza all’impasto e unicità alla ricetta.

L’uvetta di Pantelleria, una selezione di primissima scelta di frutta candita, gli sciroppi di arancia e limone biologici sono alcuni degli ingredienti che fanno del PA’ncucciato un’autentica espressione del territorio siciliano. La lenta lievitazione artigianale dà il tocco finale, donando all’impasto sofficità, leggerezza e alta digeribilità.

Condividi su:

Related Posts

Show Comments Close Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *