A Raccuja, nel cuore del Parco dei Nebrodi, c’è quella che molti considerano “la migliore osteria del maiale nero di Sicilia”. È l’Osteria della famiglia Borrello. Inaugurato solo due anni fa, questo antico e accogliente casale con muri in pietra dà la possibilità di poter godere della bontà dei sapori di un tempo: i formaggi, i salumi, le carni del proprio allevamento, le nocciole dei Nebrodi, la pasta e il pane fatto in casa come una volta. Ma qui non c’è solo un’osteria, ma anche la fattoria: la Fattoria Borrello.

Fattoria Borrello

La Fattoria Borrello si trova immersa nella folta vegetazione che caratterizza il Parco dei Nebrodi dove i caratteristici maiali neri sono liberi di pascolare tra castagni, noccioli e ulivi, nutrendosi di ghiande e radici selvatiche. Franco Borrello vanta un’esperienza pluridecennale nell’allevamento e nel trattamento dei suini neri all’insegna del benessere: fin da bambino si è cimentato nell’attività di famiglia ottenendo, grazie alla sua passione e alla sua visionaria capacità d’impresa, riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, facendo conoscere questa porzione dei Nebrodi in tutto il mondo.

Uno dei piatti dell’Osteria

Accanto a lui, sempre presenti, ci sono la mamma Anna, pilastro insostituibile della famiglia e della Fattoria, che sforna il pane casereccio e si occupa di preparare le conserve per l’inverno, e i figli Anna Laura, 25 anni, che ha concluso con successo gli studi universitari e adesso si occupa di dirigere la sala con grande attenzione e competenza, e Giuseppe, 21 anni che si divide tra studio e azienda. Il valore aggiunto nella cucina dell’Osteria è certamente il prezioso lavoro di valorizzazione delle materie prime fatto dallo chef, Alessandro Maniaci che insieme alla sua brigata riesce a creare un perfetto connubio tra la tradizione che da decenni esprime la cucina dei Borrello e l’innovazione della cucina contemporanea.

Ci siete mai stati? Vi lasciamo l’indirizzo:

FATTORIA BORRELLO – OSTERIA DEL MAIALE NERO

98067 RACCUJA (ME) – TEL. 389 1085944

Condividi su:

Related Posts

Show Comments Close Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *